CARBONARA E VENTI DI GUERRA 2018 - Adriatic Veteran Cars Club riccione

Vai ai contenuti

Menu principale:

VITA DI CLUB > EVENTI REALIZZATI DA NOI > 2000 ...A NOI > 2018
Carbonara e Venti di guerra 2018

Ecco come abbinare motorismo storico, cultura e arte culinaria. Nel  giorno che l'ASI ha dedicato alle auto e moto storiche in campo  nazionale, il 23 settembre 2018, L'Adriatic Veteran Cars Club di  Riccione, in collaborazione con l'A.C.S.S. di San Marino, ha indetto una  manifestazione di mezzi militari della II° Guerra Mondiale, con soldati  in uniforme e auto e moto d'epoca, che ha prodotto 50 mezzi militari di  tutte le nazioni belligeranti, 100 soldati in divisa e 50 auto e moto  storiche di ogni periodo con 100 soci, gran parte dei quali in abito  d'epoca. Il tema? Un tributo a Renato Gualandi, grande cuciniere  felsineo, l'unico chef italiano ad avere ricevuto il commendatorato  della cucina francese che ha annoverato nel suo curriculum di cucina: De  Gaulle, Brigitte Bardot, Mitterrand, Krusciov, Marconi, Errol Flynn, Totò  e tanti altri e, che, in modo particolare è conosciuto come l'inventore  degli spaghetti alla carbonara: infatti il 21 settembre 1944, dopo lo  sfondamento a Riccione, della Linea Gotica da parte della V° e VIII°  Armata Alleata, Montgomery, e i generali Alexander, Lys e Clark gli  commissionano la cena della vittoria offrendogli quanto disponevano (  bacon, polvere di uova, burro e spaghetti ) e lui miscelando questi  elementi "inventa" i primi spaghetti alla carbonara, chiamati così  perchè il pepe macinato gli ricordava la polvere di carbone.

Tornando ai giorni nostri, l'appuntamento è in viale Ceccarini alle ore  8 , da dove si snoda il corteo delle auto storiche, per andare ad  incrociare a Rimini  la colonna militare di ritorno dalla "Linea Gialla"  (la linea di difesa della Wehrmacht da San Marino a Rimini ) e, tutti  insieme, attraversare la parte centrale di Rimini, con un pubblico  attonito e incredulo, scendere fino al porto e, lungo il lungomare  raggiungere nuovamente Riccione e sostare in viale Ceccarini per la  gioia di tutti coloro che hanno potuto ammirare tante bellezze tutte  insieme.

Nel frattempo "militari" e "civili" hanno raggiunto il ristorante "Al  Pescatore", che per l'occasione ha abbandonato il pesce e si è dedicato  agli spaghetti alla carbonara e ad altri piatti della cucina  anglosassone, mentre l'ammiraglio Mainardi, chiamato per l'occasione,   ha intrattenuto gli ospiti con un racconto inedito e dettagliato sulla "  Beffa di Buccari " di Gabriele D'Annunzio, della quale ricorrono i 100  anni. Poi, naturalmente, un doveroso ricordo di Renato Gualandi, ora  andato a cucinare per i Santi in Paradiso e, con l'applauso  interminabile dei partecipanti, la promessa di riincontrarci il prossimo  anno e cioè... il 21 settembre del 1945...

Gabriele Fabbri



















 
Torna ai contenuti | Torna al menu